1. La mia doppia vita ( in tre )


    Data: 07/12/2022, Categorie: Erotici Racconti, Cuckold Racconti Erotici, Gay / Bisex Sesso di Gruppo Autore: Passivo, Fonte: RaccontiMilu

    Ero finito in un tornado, un frullatore di emozioni e scariche adrenaliniche, i miei istinti sessuali da sempre variegati e contrastanti sembravano essere usciti tutti in un colpo.
    
    Mi masturbavo frequentamente pensando a cosa stavo facendo, sconvolto nell’intimo con profondo senso di vergogna ma con la voglia di andare avanti; finalemnte avevo trovato una persona perversa come me che mi spingeva oltre i limiti che da solo non riuscivo a valicare.. prima i pompini, poi l’ingoio, la penetrazione, i baci, il pissing, il travestimento… tutto in relativamente poco tempo… e la mia mente on si fermava, la fantasia girava e rigirava intorno ai suoi insulti, al suo continuo definirmi al femminile e all’accenno che aveva fatto una volta di scoparmi la moglie.. magari dopo avermi fatto indossare un’altra volta la cintura di castità! E mi diventava duro, durissimo.
    
    Erano passati un paio di giorni dal nostro ultimo incontro e Marco aveva ancora la casa libera quindi non fu una sorpresa quando mi arrivò il suo messaggio che mi invitava da lui il pomeriggio seguente; feci di tutto per avere tutto il pomeriggio libero e i presentai puntuale a casa sua.
    
    Non eravamo soli, una donna molto bella era già seduta sul divano e ci presentammo, lei si dichiarò un’amica intima di Marco (era evidente che fosse una prostituta e che fosse stata complice di Marco in altri frangenti, c’era una complicità e un affiatamento che si forma solo dopo molto tempo), dopo qualche convenevole mi si avvicinò, mi mise una mano sul petto e cercò di baciarmi ma d’istinto mi ritrassi, non perchè non fosse gradito ma perchè non avevo capito dove volevano andare a parare. “Allora vedi che sei proprio un frocetto” disse Marco “ma come, una bella donna vuole baciarti e tu ti ritrai?! “. “Si vede che preferisce il cazzo” disse lei “ormai preferirà il gusto dell’uomo a quello della donna, vorrà dire che farà da spettatore…” ma Marco aveva altri piani e rispose “No, non l’ho fatto certo venire qui per godersi lo spettacolo! E’ un forcetto che ama il cazzo, è vero, sopratutto quando ne trova uno bello grosso, ma è sposato e sono sicuro che in cuor suo vorrebe vedere sua moglie appagata dallo stesso maschio che lo domina! Oggi vediamo se ci sa fare anche come cornutello”. I due si guardarono e si scambiarono un gesto d’intesa e cominciarono ad accarezzarsi e baciarsi proprio di fronte a me che impietrito guardavo con il mio cazzetto duro e il termine “cornutello” che mi ronzava nelle orecchie… Mi eccitavo come “frocetto”, mi eccitavo con “cazzetto” e adesso ero eccitato per “cornutello”… Forse avevo un nuovo limite da superare.
    
    I due furono presto nudi e mi chiesero di spogliarmi, una volta nudo lei mi si avvicinò e prese in mano il mio uccello durissimo, sembrava pronto a scoppiare e mi disse “hai proprio un cazzetto ridicolo rispetto a quello di Marco, un cazzetto proprio da bel frocetto passivo, con un cazzo così piccolo sei destinato a diventar cornuto, chissà quanti cazzi prende tua ...
«123»