1. La sorelle liceale


    Data: 27/01/2018, Categorie: Etero Incesti Autore: Roles93, Fonte: RaccontiMilu

    Sono un classico ragazzo universitario fuorisede che ha deciso lasciare il suo paesino del sud per andare in una prestigiosa università del nord iniziando una vita completamente diversa. Non &egrave il mio primo anno universitario e quindi non sono una matricola, sono al terzo anno di giurisprudenza e ho da poco compiuto 23 anni. Negli anni sono riuscito a creare una sorta di delicato equilibrio nella mia nuova vita, riuscendo a far incastrare vita sociale e studio, rendendo la propria vita piena di soddisfazioni ma senza far mancare quel pizzico di divertimento e svago necessario. Sembrava un giorno come tanti, finché una mattina mia madre mi chiamò al telefono dicendomi, a sorpresa, che sarebbe arrivata mia sorella a trovarmi e che doveva stare con me minimo una settima, poiché, lei insieme a mio padre avevano approfittato di un’offerta last minute e sarebbero partiti in una crociera proprio oggi. Sinceramente non reagii molto bene a quella forzata richiesta nell’ospitare mia sorella, ma non avevo scelta visto che era già in viaggio e fra circa un’ora sarebbe arrivata. Io e mia sorella abbiamo sempre avuto uno strano rapporto, probabilmente dovuto anche alla differenza netta dei nostri caratteri. Secondo molti ha il carattere uguale a mio padre, invidiosa, possessiva e direi anche poco socievole, mentre io, al contrario, sono un ragazzo molto socievole e solare a cui piace sempre scherzare e fare amicizia. L’unica cosa positiva che compensava il suo carattere era il suo aspetto fisico, motivo per cui non nego di essere stato sempre geloso nei suoi confronti anche se qualcuno si avvicinava a lei anche per salutarla. Lei &egrave più piccola di me, ha 17 anni e frequenta ancora il liceo. Per essere una ragazza la sua altezza &egrave sopra la media, 1.73 di pura eleganza e femminilità, fisico perfetto, magra e sportiva con una seconda abbondante di seno, pelle color olivastra per via dell’abbronzatura estiva, un viso molto delicato e sensuale con occhi verde smeraldo e capelli mossi castani con colpi di sole biondi. Guardai l’orologio e in fretta e furia provai a sistemare un po’ la mia camera. Abito da solo in un bilocale spazioso e, avendo finito gli esami della sessione estiva, spesso facevamo feste con la mia comitiva numerosa di amici a casa mia, e ancora vi erano residui e disordine dell’ultima dello scorso weekend. Provai a nascondere più prove possibili, tra cui bottiglie di alcolici semivuote, bicchieri e anche dei preservativi dentro la mia stanza, conoscendo mia sorella era capace di andar a spifferar tutto ai miei genitori riguardo a ciò che facevo invece che studiare, e già immaginavo questa lunga e interminabile settimana con lei da recluso in casa. Visto le tempistiche a disposizione non sono riuscito a fare un granché, e nel bel mezzo delle pulizie suona il citofono, era lei. Entrò in casa mia come se il nostro rapporto fosse perfetto, era sorridente e stranamente felice di vedermi, quasi non la riconoscevo. Era come se fosse ...
«1234...13»